Beta talassemia, primo trial clinico di una terapia genica su pazienti pediatrici

Pubblicati i risultati del primo trial clinico di terapia genica per la beta talassemia.

I risultati incoraggianti, pubblicati su Nature Medicine, arrivano dal primo trial clinico di terapia genica per la beta talassemia, frutto di oltre dieci anni di lavoro del gruppo di ricerca della professoressa Giuliana Ferrari dell’Università Vita-Salute San Raffaele e realizzato per la prima volta anche su pazienti pediatrici all’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica, grazie all’alleanza tra IRCCS Ospedale San Raffaele, Fondazione Telethon e Orchard Therapeutics. Lo studio è stato condotto, in particolare, grazie alla sinergia tra ricercatori di base e clinici, e in collaborazione tra l’Unità Operativa di Immunoematologia Pediatrica e quella di Ematologia e Trapianto di Midollo dell’Ospedale San Raffaele, dirette rispettivamente da Alessandro Aiuti e Fabio Ciceri, insieme al Centro malattie rare di Maria Domenica Cappellini del Policlinico di Milano. Il tutto con la partecipazione di altri centri italiani esperti di talassemia e con la collaborazione delle associazioni dei pazienti.

La beta talassemia è una malattia genetica del sangue, causata da una mutazione del gene che codifica per la beta-globina, una proteina fondamentale per il funzionamento dei globuli rossi e in particolare per il trasporto dell’ossigeno. Esistono oltre 300 mutazioni note di questo gene, che possono dare origine a forme di beta talassemia di diversa gravità: in quelle più gravi, che vedono una quasi totale assenza della proteina nel sangue dei pazienti, sono necessarie frequenti trasfusioni, il che comporta una riduzione drammatica della qualità della vita, se non addirittura quella di un trapianto di midollo osseo da donatore.

Il protocollo messo a punto parte dalla raccolta delle cellule staminali dal sangue periferico dei pazienti. Per ristabilire il corretto funzionamento di queste cellule e dei globuli rossi in cui possono differenziarsi, i ricercatori hanno inserito al loro interno una copia funzionante del gene della beta-globina, utilizzando i vettori lentivirali (virus della stessa famiglia dell’HIV, svuotati del loro contenuto infettivo e trasformati in veri e propri mezzi di trasporto per la terapia). Le cellule staminali corrette sono state re-infuse nei pazienti direttamente nelle ossa, così da favorire il loro attecchimento nel midollo.

Lo studio ha coinvolto 9 soggetti di diversa età – 3 adulti sopra i trent’anni, 3 adolescenti e 3 bambini sotto i sei anni di età – tutti con forme di beta talassemia gravi, tali da renderli trasfusione dipendenti. I ricercatori hanno utilizzato una tecnica di terapia genica simile a quella già impiegata all’SR-Tiget per altre malattie rare del sangue.

A distanza di oltre un anno dal trattamento (i soggetti adulti sono stati trattati per primi, ormai quasi 3 anni fa) la terapia risulta sicura ed efficace: in 3 dei 4 pazienti più giovani con un follow-up sufficiente per la valutazione si è raggiunta la totale indipendenza dalle trasfusioni di sangue, mentre nei tre pazienti adulti si è ottenuta una significativa riduzione della loro frequenza. Solo uno dei bambini trattati non ha riportato effetti positivi sul decorso della malattia e i ricercatori stanno ora cercando di capirne il motivo.

News

Swiss Italian start up Award

Leggi l'articolo

Dottorati innovativi – Decreto Ministeriale 630/2024

Leggi l'articolo

Approvazione DL PNRR: verso una nuova rotta per la competitività nazionale della ricerca clinica

Leggi l'articolo

Terapia genica e farmaci RNA per la lotta contro il cancro: online un nuovo bando per progetti di ricerca

Leggi l'articolo

Gemelli digitali: emesso un nuovo bando di gara della Commissione europea

Leggi l'articolo

Al via la call StartUp Breeze 2024

Leggi l'articolo

Eventi

Incentivi a fondo perduto per la ricerca collaborativa in Regione Lombardia

Il 28 maggio il Cluster lombardo scienze della vita, in collaborazione con l’Area Credito e...
Leggi l'articolo

EU4Health Stakeholders’ Conference

Il 19 giugno 2024 si terrà, a Bruxelles e in modalità online, la Conferenza degli stakeholders di EU4Health...
Leggi l'articolo

Scenario home care: dall’opportunità del PNRR allo sviluppo di un’assistenza 5.0

È evidente che l’arrivo di nuove tecnologie, talvolta rivoluzionarie anche per la pratica clinica, renda...
Leggi l'articolo

IMI Impact on antimicrobial resistance – Webinar

Il 31 maggio 2024, l’Innovative Health Initiative organizza l’evento online “IMI Impact on antimicrobial resistance”, per evidenziare l’impatto...
Leggi l'articolo

APRE & MUR: Info day italiani sui bandi EU Missions 2024 di Horizon

Il 7 e l’8 maggio 2024, APRE (Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea), in collaborazione con il Ministero dell’Università e...
Leggi l'articolo

Horizon Europe info day: Cluster 1 – Health

Il 28 maggio 2024, la Commissione europea ha organizzato online un Infoday dedicato ai tre nuovi topic del Cluster 1 – Health, che...
Leggi l'articolo