Calcolo ad alte prestazioni: stanziati 8 miliardi di euro per il programma EuropHPC nel periodo 2021-2027

Un budget raddoppiato per il programma di calcolo ad alte prestazioni EuroHPC. L’obiettivo è quello di perseguire la sovranità tecnologica dell’Unione e ridurre la dipendenza dai fornitori stranieri di hardware.

La Commissione Europea ha deciso di raddoppiare il budget per il programma di calcolo ad alte prestazioni EuroHPC con l’obiettivo di perseguire la sovranità tecnologica dell’Unione e ridurre la dipendenza dai fornitori stranieri di hardware. EuropHPC disporrà di 8 miliardi di euro per il periodo 2021-2027, di cui 3,5 miliardi saranno stanziati dai programmi Horizon Europe, Digital Europe e Connecting Europe. Altri 3,5 miliardi saranno investiti dagli Stati membri e dai paesi associati, mentre 1 miliardo di euro proverrà dall’industria. I progetti finanziati si estenderanno fino al 2033.

Ad oggi, solo 3 dei 10 supercomputer più potenti al mondo hanno sede in Europa, 2 in Italia e 1 in Svizzera. Tra i primi 500 supercomputer al mondo, la Cina ne ha 226, gli Stati Uniti 114, mentre gli Stati membri dell’UE ne ospitano complessivamente 59. Per assicurarsi un posto nella corsa ai supercomputer, la partnership pubblico-privata EuroHPC ha fissato l’ambizioso obiettivo di sviluppare un supercomputer exascale in grado di eseguire più di un miliardo di miliardi di operazioni al secondo e, allo stesso tempo, di far progredire lo sviluppo di computer ibridi quantistici e classici con prestazioni migliori dei supercomputer. Inoltre, altre iniziative saranno importanti per rafforzare l’investimento nel supercalcolo, come potenziare il cloud computing, l’intelligenza artificiale e le telecomunicazioni.

L’utilizzo primario dei computer ad alte prestazioni è destinato alla ricerca in campi che includono la scoperta di farmaci, la chimica computazionale, la scienza dei materiali, l’ingegneria, l’intelligenza artificiale e la scienza dei dati.

Mentre gli utenti principali dei supercomputer EuroHPC saranno ricercatori e scienziati, la Commissione vuole aumentare l’accesso per il settore pubblico e l’industria. L’intenzione è quella di assegnare l’utilizzo dei supercomputer EuroHPC attraverso bandi periodici aperti a coloro che realizzano progetti finanziati da Horizon Europe o Digital Europe, così come alle piccole e medie imprese.

News

DigitalHealthUptake: aperta la call per la formazione nel settore della sanità digitale

Leggi l'articolo

Al via il bando di Horizon Europe EIC Transition Open 2024

Leggi l'articolo

EU Mission – Cancer: aperti i nuovi bandi per combattere il cancro in Europa

Leggi l'articolo

AGE-IT: AL VIA IL BANDO A CASCATA DELLO SPOKE 3 “Fattori clinici e ambientali, stato funzionale e multi morbilità”

Leggi l'articolo

EIT Digital: lanciato il Venture Incubation Program

Leggi l'articolo

CALL4INNOVIT 2024 | LIFE SCIENCES & DIGITAL HEALTH

Leggi l'articolo

Eventi

Horizon Europe info day: Cluster 1 – Health

Il 28 maggio 2024, la Commissione europea ha organizzato online un Infoday dedicato ai tre nuovi topic del Cluster 1 – Health, che...
Leggi l'articolo

IHI | In conversation with EBiSC2

Il 15 maggio 2024, l’Innovative Health Initiative organizzerà un evento online intitolato “In conversation with...
Leggi l'articolo

Health Innovation Global Forum 2024

Il 9 maggio 2024, nell’ambito della MIND Innovation Week, si terrà presso l’Auditorium di Human...
Leggi l'articolo

Call4Innovit – #Biotech Accelerator Program in San Francisco | Virtual Fireside Chat

Nell’ambito delle attività del Gruppo di lavoro PMI & Startup di Federchimica Assobiotec: Pierluigi Paracchi, componente Consiglio...
Leggi l'articolo

EU-X-CT Public Stakeholders’ Forum: Making cross-border access to clinical trials a reality

L’iniziativa europea pubblico-privata EU-X-CT mira a facilitare l’accesso transfrontaliero alle sperimentazioni cliniche in termini concreti,...
Leggi l'articolo

SEN meets AGE-IT: info day sui bandi degli Spoke 3 e 6

Il prossimo 19 aprile, alle ore 11:00, si terrà un info day dedicato ai bandi a...
Leggi l'articolo