Gli anticorpi Covid persistono nel sangue per almeno 8 mesi

Uno studio condotto dal San Raffaele, in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, dà indicazioni sulla durata degli anticorpi neutralizzanti al Covid-19

Gli anticorpi neutralizzanti contro SARS-CoV-2 persistono nei pazienti sintomatici fino ad almeno 8 mesi dopo la diagnosi di Covid-19, indipendentemente dalla gravità della malattia, dall’età dei pazienti o dalla presenza di altre patologie. 

Non solo, la loro presenza precoce è fondamentale per combattere l’infezione con successo: chi non riesce a produrli entro i primi 15 giorni dal contagio è a maggior rischio di morte da Covid-19. 

Sono questi i due risultati principali di una ricerca dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, coordinata da Gabriella Scarlatti, responsabile dell’Unità di Evoluzione e Trasmissione Virale  condotta in collaborazione con i ricercatori del Diabetes Research Institute diretto da Lorenzo Piemonti e con Andrea Cara e Donatella Negri dell’Istituto Superiore di Sanità. 

Lo studio, pubblicato su Nature Communications, è il primo a mappare in modo così esaustivo l’evoluzione nel tempo della risposta anticorpale al Covid-19 e fornisce importanti indicazioni  per:

  • la gestione clinica della malattia, attraverso il riconoscimento dei pazienti a maggior rischio di forme gravi;
  • il contenimento epidemiologico della pandemia.

Lo studio è stato condotto seguendo nel tempo 162 pazienti positivi a SARS-CoV-2, con sintomi di entità variabile, che si sono presentati al pronto soccorso dell’Ospedale San Raffaele durante la prima ondata della pandemia in Italia. I primi campioni di sangue sono stati raccolti al momento della diagnosi e risalgono a marzo-aprile 2020. 

Oltre agli anticorpi contro SARS-CoV-2, i ricercatori hanno indagato anche la riattivazione degli anticorpi per i coronavirus stagionali nei pazienti (quelli responsabili del classico raffreddore) con l’obiettivo di verificare il loro impatto sulla risposta contro SARS-CoV-2. 

“Gli anticorpi per i coronavirus stagionali riconoscono parzialmente il nuovo coronavirus e possono riattivarsi a seguito del contagio, pur non essendo efficaci nel neutralizzarlo – spiega Gabriella Scarlatti. Il timore era che la loro espansione potesse rallentare la produzione degli anticorpi neutralizzanti specifici per SARS-CoV-2, con effetti negativi sul decorso dell’infezione.” 

Secondo i dati analizzati dai ricercatori del San Raffaele, tuttavia, la riattivazione di anticorpi pre-esistenti per i coronavirus stagionali non ha alcuna influenza nel ritardare la produzione degli anticorpi specifici per SARS-CoV-2 e non è quindi associata a maggior rischio di decorsi gravi del Covid-19.

Contrariamente a quanto emerso da studi precedenti, la presenza precoce di anticorpi neutralizzanti contro SARS-CoV-2 è, invece, effettivamente correlata a un migliore controllo del virus e a una maggiore sopravvivenza dei pazienti. Per fortuna questo è vero nella maggior parte dei casi: il 79% dei pazienti arruolati ha prodotto con successo questi anticorpi entro le prime due settimane dall’inizio dei sintomi.  Chi non ci è riuscito è risultato a maggior rischio per le forme gravi della malattia, indipendentemente da altri fattori come l’età o lo stato di salute. 

Allo stesso tempo, la presenza degli anticorpi neutralizzanti, pur riducendosi nel tempo, è risultata molto persistente: a 8 mesi dalla diagnosi erano solo 3 i pazienti che non mostravano più positività al test. 

Maggiori informazioni al seguente link.

L’articolo è disponibile al seguente link.

News

Premio Internazionale “Lombardia è Ricerca”

Leggi l'articolo

Aiop rinnova le cariche sociali: Gabriele Pelissero eletto Presidente Nazionale per il quadriennio 2024 – 2028

Leggi l'articolo

Vanguard Initiative: Ingresso del Cluster nello Smart Health Pilot

Leggi l'articolo

Terapia genica e farmaci RNA per malattie infiammatorie e infettive: nuovo bando per progetti di ricerca

Leggi l'articolo

EU4Health: pubblicati nuovi bandi nell’area della preparazione alle crisi sanitarie

Leggi l'articolo

Progetto EUCAIM: lanciata l’open call sulla ricerca sul cancro e l’uso dell’IA

Leggi l'articolo

Eventi

mAI più come prima – Conversazioni sull’Intelligenza Artificiale

Il 24 giugno alle 17.30 si terrà in Assolombarda l’evento mAI più come prima –...
Leggi l'articolo

ELIXIRxNextGenIT & SEE LIFE: Piattaforme PNRR al servizio del Paese

Il 24 e 25 giugno 2024 si terranno presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca due...
Leggi l'articolo

Collabora&Innova: bando 2024 per gli ecosistemi innovativi lombardi

Collabora&Innova con uno stanziamento di oltre 100 milioni di euro è il principale incentivo disponibile...
Leggi l'articolo

PRESENTAZIONE DEL BANDO “BED TO BENCH : THE WAY TO INNOVATION”

Il bando “FROM BED TO BENCH: THE WAY TO INNOVATION”, rappresenta un’iniziativa della Fondazione Regionale...
Leggi l'articolo

Info session: open call for proposals – EU4Health Annual Work Programme 2024

Il 29 maggio 2024, dalle 09:30 alle 13:00, si terrà in modalità online l’evento “Info session: open call...
Leggi l'articolo

Life Science Next: Dati e Ricerca per la Salute del futuro

Il 25 giugno, a partire dalle ore 15:30, l’Auditorium di Assolombarda ospiterà l’evento annuale del...
Leggi l'articolo