Gli anticorpi Covid persistono nel sangue per almeno 8 mesi

Uno studio condotto dal San Raffaele, in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, dà indicazioni sulla durata degli anticorpi neutralizzanti al Covid-19

Gli anticorpi neutralizzanti contro SARS-CoV-2 persistono nei pazienti sintomatici fino ad almeno 8 mesi dopo la diagnosi di Covid-19, indipendentemente dalla gravità della malattia, dall’età dei pazienti o dalla presenza di altre patologie. 

Non solo, la loro presenza precoce è fondamentale per combattere l’infezione con successo: chi non riesce a produrli entro i primi 15 giorni dal contagio è a maggior rischio di morte da Covid-19. 

Sono questi i due risultati principali di una ricerca dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, coordinata da Gabriella Scarlatti, responsabile dell’Unità di Evoluzione e Trasmissione Virale  condotta in collaborazione con i ricercatori del Diabetes Research Institute diretto da Lorenzo Piemonti e con Andrea Cara e Donatella Negri dell’Istituto Superiore di Sanità. 

Lo studio, pubblicato su Nature Communications, è il primo a mappare in modo così esaustivo l’evoluzione nel tempo della risposta anticorpale al Covid-19 e fornisce importanti indicazioni  per:

  • la gestione clinica della malattia, attraverso il riconoscimento dei pazienti a maggior rischio di forme gravi;
  • il contenimento epidemiologico della pandemia.

Lo studio è stato condotto seguendo nel tempo 162 pazienti positivi a SARS-CoV-2, con sintomi di entità variabile, che si sono presentati al pronto soccorso dell’Ospedale San Raffaele durante la prima ondata della pandemia in Italia. I primi campioni di sangue sono stati raccolti al momento della diagnosi e risalgono a marzo-aprile 2020. 

Oltre agli anticorpi contro SARS-CoV-2, i ricercatori hanno indagato anche la riattivazione degli anticorpi per i coronavirus stagionali nei pazienti (quelli responsabili del classico raffreddore) con l’obiettivo di verificare il loro impatto sulla risposta contro SARS-CoV-2. 

“Gli anticorpi per i coronavirus stagionali riconoscono parzialmente il nuovo coronavirus e possono riattivarsi a seguito del contagio, pur non essendo efficaci nel neutralizzarlo – spiega Gabriella Scarlatti. Il timore era che la loro espansione potesse rallentare la produzione degli anticorpi neutralizzanti specifici per SARS-CoV-2, con effetti negativi sul decorso dell’infezione.” 

Secondo i dati analizzati dai ricercatori del San Raffaele, tuttavia, la riattivazione di anticorpi pre-esistenti per i coronavirus stagionali non ha alcuna influenza nel ritardare la produzione degli anticorpi specifici per SARS-CoV-2 e non è quindi associata a maggior rischio di decorsi gravi del Covid-19.

Contrariamente a quanto emerso da studi precedenti, la presenza precoce di anticorpi neutralizzanti contro SARS-CoV-2 è, invece, effettivamente correlata a un migliore controllo del virus e a una maggiore sopravvivenza dei pazienti. Per fortuna questo è vero nella maggior parte dei casi: il 79% dei pazienti arruolati ha prodotto con successo questi anticorpi entro le prime due settimane dall’inizio dei sintomi.  Chi non ci è riuscito è risultato a maggior rischio per le forme gravi della malattia, indipendentemente da altri fattori come l’età o lo stato di salute. 

Allo stesso tempo, la presenza degli anticorpi neutralizzanti, pur riducendosi nel tempo, è risultata molto persistente: a 8 mesi dalla diagnosi erano solo 3 i pazienti che non mostravano più positività al test. 

Maggiori informazioni al seguente link.

L’articolo è disponibile al seguente link.

News

Presto al via i nuovi bandi del programma Digital Europe

Leggi l'articolo

PARTECIPAZIONE COLLETTIVA ALLA BIO INTERNATIONAL CONVENTION 2024

Leggi l'articolo

Innovit: al via i nuovi programmi di accelerazione per PMI italiane nella Silicon Valley

Leggi l'articolo

COST: aperto il bando 2024 a supporto di reti di ricerca interdisciplinari

Leggi l'articolo

EIC Accelerator di Horizon Europe: disponibili i documenti per preparare le proposte complete

Leggi l'articolo

AI4Life: al via la call dedicata all’analisi di bioimmagini

Leggi l'articolo

Eventi

BIO INTERNATIONAL CONVENTION 2024

L’ICE Agenzia, Ufficio Attrazione Investimenti Esteri – nel quadro del programma Invest in Italy realizzato...
Leggi l'articolo

Entrepreneurial Universities: spinoffs and technology transfer

Il 14 marzo 2024, dalle 14.00 alle 15.30, la Policy Learning Platform ospiterà il webinar “Entrepreneurial Universities: spinoffs...
Leggi l'articolo

Messico: il valore del mercato Life Science – Webinar

Assolombarda e la Camera di Commercio Italiana in Messico, in collaborazione con Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e...
Leggi l'articolo

Giornata Nazionale BBMRI.it 2024

La Giornata Nazionale delle Biobanche di BBMRI.it torna a Milano, presso l’Università degli Studi di...
Leggi l'articolo

INFO DAY Horizon Europe – European Partnerships: bandi 2024 Innovative Health Initiative (IHI), Cluster 1 | Nuove call 6 e 7

Il prossimo 26 febbraio alle 14.30 si terrà a Milano, presso l’Auditorium Rita Levi Montalcini...
Leggi l'articolo

European Cluster Conference 2024

Tra il 6 e l’8 maggio 2024, si terrà a Bruxelles la “European Cluster Conference 2024” L’evento tratterà la resilienza e l’adattabilità...
Leggi l'articolo