RoBee – Il robot umanoide al lavoro in fabbrica e in ospedale

RoBee è stato sviluppato da una ditta brianzola per sostituire gli esseri umani in lavori pericolosi o affiancare i pazienti durante le riabilitazioni.

RoBee è il primo umanoide made in Italy a disposizione delle aziende che vogliano tutelare la sicurezza dei lavoratori, affiancando loro per le mansioni altamente ripetitive o pericolose un robot dotato di autonomia di movimento e intelligenza cognitiva. Capacità che lo rendono adatto anche ad altri contesti, come quelli delle strutture sanitarie: sia per limitare l’uso di personale in casi a rischio contagi, sia per interagire con i pazienti in ambito riabilitativo.

RoBee è il frutto della capacità di innovazione tecnologica di Oversonic Robotics, società con base a Besana Brianza, e di uno sviluppo di oltre tre anni di lavorazione e sperimentazione.

RoBee, due anni, quarta iterazione di sviluppo della piattaforma robotica Oversonic, è un robot umanoide alto 1 metro e 70, tra i 65 e i 75 chilogrammi di peso, a seconda della configurazione di utilizzo.
Replica esteticamente e operativamente la struttura meccanica del corpo umano, con 40 giunti mobili e un set completo di sensori che gli consentono di vedere e navigare autonomamente lo spazio circostante.
È dotato di braccia complete di dispositivi di presa, cioè mani e pinze meccaniche che gli permettono di eseguire in maniera efficace semplici gesti come indicare, contare, o afferrare oggetti.

RoBee è autonomo anche sul piano dell’interazione linguistica che è gestita tramite interfaccia vocale, rimuovendo così le barriere tecniche tra umani e macchine, consentendo un’interazione veloce e intuitiva.

La navigazione è affidata a un complesso sistema di videocamere e sensori, che consentono al robot di muoversi agevolmente e in sicurezza in spazi affollati e condivisi con il pubblico. Il sistema di visione, assistito dall’intelligenza artificiale, consente il riconoscimento di persone e oggetti, e la selezione del comportamento più adatto alla situazione.

“Il robot funziona attraverso una batteria che offre un’autonomia di otto ore – spiega Fabio Puglia, presidente e fondatore di Oversonic Robotics. Il suo sistema è gestito da tre potenti computer a bordo, che condividono il carico dei calcoli collaborando anche come sistemi ridondanti di sicurezza. Un ecosistema in cloud fornisce le interfacce di controllo e consente di monitorare gli aggiornamenti in tempo reale sul livello di utilizzo di ogni componente, riducendo così drasticamente i fermi macchina e i possibili malfunzionamenti. Una macchina efficiente e interconnessa: più robot possono infatti collaborare tra loro e collaborare per eseguire un compito comune”.

“La profondissima trasformazione digitale che stiamo vivendo ci ha spinti a lavorare cercando di unire la passione per l’intelligenza emotiva con quella artificiale, poi l’emergenza sanitaria ha fatto il resto – aggiunge Paolo Denti, AD di Oversonic Robotics. Ci siamo chiesti come la robotica potesse aiutare, ad esempio, all’interno di reparti di malattie infettive e di un reparto Covid, dove chi lavora è esposto a un alto rischio di contagio. In questo senso abbiamo pensato a una macchina in grado di sostituire efficacemente le persone non solo sul piano tecnico, ma anche dal punto di vista umano: RoBee infatti interagisce, parla, impara e soprattutto immagazzina le informazioni e le condivide”.

Nei prossimi mesi RoBee sarà oggetto di test all’interno di aziende partner di Oversonic, che lo stanno sperimentando in vista di un successivo inserimento all’interno delle loro strutture. Da marzo è in corso anche una sperimentazione con l’IRCCS romano Santa Lucia: il robot sarà utilizzato sia per valutare gli effetti della sua interazione con i pazienti, sia per alcuni veri e propri test di neuro riabilitazione, cognitivi e motori. Un altro tassello importante.

“Sono aziende di diversi settori, prevalentemente industriale e medicale: pensiamo che questi siano i principali ambiti di applicazione di RoBee – proseguono i fondatori. Verrà sottoposto a tutte le certificazioni del caso, dopo di che sarà un prodotto realmente adattabile alle esigenze del mercato: un prodotto anche personalizzabile, ma da produrre su ampia scala”.

 

 

News

Premio Internazionale “Lombardia è Ricerca”

Leggi l'articolo

Aiop rinnova le cariche sociali: Gabriele Pelissero eletto Presidente Nazionale per il quadriennio 2024 – 2028

Leggi l'articolo

Vanguard Initiative: Ingresso del Cluster nello Smart Health Pilot

Leggi l'articolo

Terapia genica e farmaci RNA per malattie infiammatorie e infettive: nuovo bando per progetti di ricerca

Leggi l'articolo

EU4Health: pubblicati nuovi bandi nell’area della preparazione alle crisi sanitarie

Leggi l'articolo

Progetto EUCAIM: lanciata l’open call sulla ricerca sul cancro e l’uso dell’IA

Leggi l'articolo

Eventi

mAI più come prima – Conversazioni sull’Intelligenza Artificiale

Il 24 giugno alle 17.30 si terrà in Assolombarda l’evento mAI più come prima –...
Leggi l'articolo

ELIXIRxNextGenIT & SEE LIFE: Piattaforme PNRR al servizio del Paese

Il 24 e 25 giugno 2024 si terranno presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca due...
Leggi l'articolo

Collabora&Innova: bando 2024 per gli ecosistemi innovativi lombardi

Collabora&Innova con uno stanziamento di oltre 100 milioni di euro è il principale incentivo disponibile...
Leggi l'articolo

PRESENTAZIONE DEL BANDO “BED TO BENCH : THE WAY TO INNOVATION”

Il bando “FROM BED TO BENCH: THE WAY TO INNOVATION”, rappresenta un’iniziativa della Fondazione Regionale...
Leggi l'articolo

Info session: open call for proposals – EU4Health Annual Work Programme 2024

Il 29 maggio 2024, dalle 09:30 alle 13:00, si terrà in modalità online l’evento “Info session: open call...
Leggi l'articolo

Life Science Next: Dati e Ricerca per la Salute del futuro

Il 25 giugno, a partire dalle ore 15:00, l’Auditorium di Assolombarda ospiterà l’evento annuale del...
Leggi l'articolo