Un grande progetto che nasce dalla collaborazione tra funzioni pubbliche e imprese

Intervista a Giuseppe Bonomi – Amministratore Delegato Arexpo

In occasione dell’incontro organizzato dal Cluster Lombardo Scienze della vita “Milano città al centro delle Scienze della Vita“, che si è tenuto giovedì 29 marzo presso Assolombarda a Milano, abbiamo intervistato i protagonisti del dibattito.

Egregio dottor Bonomi, con la recente approvazione da parte del Senato Accademico del trasferimento della Statale nell’area ex-Expo, si completa il quadro di una delle aree più importanti per lo sviluppo del territorio milanese. Ci può dire a che punto siamo e quali saranno i prossimi passi per rendere operative le diverse aree?

Un parco scientifico e tecnologico unico in Italia e al livello delle migliori esperienze internazionali. Questo è il progetto che stiamo realizzando nell’area che ha ospitato l’Esposizione Universale di Milano del 2015, un’area di oltre un milione di metri quadri perfettamente infrastrutturata con tutte le caratteristiche adatte a trasformarsi in una vera e propria città della scienza, del sapere e dell’innovazione.

Un progetto che non è più sulla carta ma che vede già risultati concreti. Le prime decine di ricercatori di Human Technopole sono già al lavoro a Palazzo Italia, un numero destinato a salire rapidamente per raggiungere quota 400 nel giro di un anno per arrivare poi a regime a quota millecinquecento. In fase di realizzazione anche il nuovo Galeazzi, il grande ospedale di rango IRCSS che metterà insieme competenze del Galeazzi con quelle della Clinica Sant’Ambrogio specializzata nella medicina cardiovascolare. Il progetto del nuovo Galeazzi è già stata presentato ufficialmente e la costruzione dell’ospedale partirà nelle prossime settimane per concludersi in 36 mesi.

L’ultimo tassello delle ‘funzioni pubbliche’ presenti nell’area è quello relativo al campus delle facoltà scientifiche dell’Università Statale di Milano. L’ateneo milanese aveva presentato la propria manifestazione di interesse a trasferirsi nell’area di Arexpo, una volontà che il 6 marzo di quest’anno si è trasformata in una decisione irrevocabile con il voto del Senato Accademico e del CdA. È un passaggio fondamentale non solo per il processo di trasformazione urbana che riguarda il sito di nostra proprietà ma soprattutto per l’università milanese che crea un vero e proprio campus all’altezza dei competitor internazionali che da tempo hanno puntato su strutture moderne all’altezza delle sfide accademiche e della ricerca di questi anni. Per questo credo che il termine ‘trasferimento’ non colga appieno il senso della novità rappresentata dalla nascita di un campus che ospiterà oltre ventimila persone, di cui 18 mila studenti e duemila tra professori e personale amministrativo.

Tutto questo ha un importante valore attrattivo per grandi aziende private, oltre sessanta, che hanno manifestato ufficialmente la volontà di insediarsi nella nostra area. Dal punto esclusivamente economico, Ambrosetti House ha stimato in 6,9 miliardi di euro l’impatto economico generato da Human Technopole, Galeazzi e Università nei prossimi 10 anni. L’area ha poi attratto già attratto investimenti privati per 1,8 miliardi di euro, una cifra destinata a salire.

Proprio la virtuosa collaborazione tra le funzioni pubbliche e le attività di ricerca delle imprese private è uno dei punti di forza del progetto del post-expo perché questa è la ricetta migliore, e la più attuale, per creare risultati nel settore accademico e di ricerca e anche per trasformare questi risultati in benefici concreti per la collettività.

Il progetto del Parco della Scienza, del Sapere e dell’Innovazione è passato da essere una speranza a diventare una realtà in breve tempo, specie per le consuetudini italiane, e abbiamo superato il punto di non ritorno. Un risultato significativo per Milano, per la Lombardia e per l’intero Paese e questo è accaduto anche grazie al sostegno che tanti hanno dato a questa iniziativa, un sostegno importante che sono certo non mancherà anche in futuro.

News

EU Mission – Cancer: aperti i nuovi bandi per combattere il cancro in Europa

Leggi l'articolo

AGE-IT: AL VIA IL BANDO A CASCATA DELLO SPOKE 3 “Fattori clinici e ambientali, stato funzionale e multi morbilità”

Leggi l'articolo

EIT Digital: lanciato il Venture Incubation Program

Leggi l'articolo

CALL4INNOVIT 2024 | LIFE SCIENCES & DIGITAL HEALTH

Leggi l'articolo

Scienze della vita: annunciato un bando per progetti di ricerca translazionale contro il cancro

Leggi l'articolo

Horizon Europe: adottato il piano strategico 2025-2027

Leggi l'articolo

Eventi

IHI | In conversation with EBiSC2

Il 15 maggio 2024, l’Innovative Health Initiative organizzerà un evento online intitolato “In conversation with...
Leggi l'articolo

Health Innovation Global Forum 2024

Il 9 maggio 2024, nell’ambito della MIND Innovation Week, si terrà presso l’Auditorium di Human...
Leggi l'articolo

Call4Innovit – #Biotech Accelerator Program in San Francisco | Virtual Fireside Chat

Nell’ambito delle attività del Gruppo di lavoro PMI & Startup di Federchimica Assobiotec: Pierluigi Paracchi, componente Consiglio...
Leggi l'articolo

EU-X-CT Public Stakeholders’ Forum: Making cross-border access to clinical trials a reality

L’iniziativa europea pubblico-privata EU-X-CT mira a facilitare l’accesso transfrontaliero alle sperimentazioni cliniche in termini concreti,...
Leggi l'articolo

SEN meets AGE-IT: info day sui bandi degli Spoke 3 e 6

Il prossimo 19 aprile, alle ore 11:00, si terrà un info day dedicato ai bandi a...
Leggi l'articolo

EU Missions and cross-cutting activities info days

Il 25 e il 26 aprile 2024 si terranno online gli Info Days dedicati alle cinque Missioni dell’UE nell’ambito di Horzion Europe. L’evento verrà...
Leggi l'articolo